La giostra di Bastian

Sopra la giostra di Bastian ti porterò

Ezio una foto ci farà

coppie di amici sui cavalli bianchi

arabi e bianchi

ha gli occhi grigi e i capelli neri e blu

sembra incrociata con gli apaches

è la padrona di Bastian

e i giri sono belli, i giri sono lunghi

Sopra la giostra di Bastian

quanti sederi han dondolato

generazioni quante ma in piedi sulla staffa

braccio allungato hanno afferrato con destrezza

l'anello lucido appeso a quella boccia

Sopra la giostra di Bastian, poi, nevicò

non resse più e si sfondò

la cartapesta e le aste lucide di ottone

neanche il motore si salvò

con gli occhi grigi ed i capelli bianchi e blu

raccolse tutto e se ne andò

senza neanche una sovvenzione sul suo carrozzone

Sopra la giostra di Bastian

quanti sederi e gonne al vento

se vuoi vederne ancora uno, amico mio

di quei cavalli di Bastian

è nell'ingresso a tener su paltò e soprabiti, impermeabili

me l'ha venduto la padrona di Bastian

io l'ho comprato e messo lì

a ricordarmi notte e dì

che i giri erano belli, i giri erano lunghi,

i giri erano belli, i giri erano lunghi,

i giri erano belli, i giri erano lunghi...